martedì 25 ottobre 2016

Ucraina : Parte 2 - viaggio attraverso alcune perle turistiche dei Carpazi - la citta' di Kolomyja

Riprendiamo questo nostro viaggio culturale alla scoperta delle "perle turistiche dei Carpazi" con la seconda parte, proseguendo in direzione della citta' di Kolomyia, non spostandoci dall'ovest dell'Ucraina, restando sempre nella provincia di Ivano - Frankivs'k. Un viaggio che vi accompagnera' lungo una zona pittoresca ed ecologicamente pulita dell'Ucraina, la zona dei Carpazi Ucraini, la zona montusa che si estende lungo la parte settentrionale della sua catena.
L'Ucraina Occidentale come regione turistica !



La citta' di Kolomyia : tra storia, arte e turismo

Kolomyia si trova nella parte sud-est della provincia di Ivano-Frankivsk, al centro tra la strada Ivano-Frankivsk e Chernivtsi. Grazie alla sua posizione geografica molti turisti l'hanno chiamata città “porte dei Carpazi”. 

A metà del 13 ° secolo, la città di Kolomyia fu un importante centro di estrazione del sale. L'ottima posizione della città ha promosso la rapida crescita del commercio.

Un po di storia...

Kolomyia era una parte dello Stato Galitski-Volynsky. Dal 1349-1569, la città apparteneva alla Polonia. Nel 1405, è stato concesso il diritto di Magdeburgo. 

Nel 1498, i turchi e Valkhs, distrussero la città. Nel 1502 e nel 1505, Kolomyia è stata bruciata, e nel 1589 fu quasi completamente distrutta.

Il 15 settembre, 1914, le truppe russe entrarono in città. Durante tale periodo nella città fu distrutta anche la statua di Taras Shevchenko, fu proibito stampare libri e stampe in ucraino e la vendita di libri scritti in ucraino, persino le biblioteche furono chiuse......

Dopo la guerra polacco-ucraina, la città appartenne alla repubblica polacca.

Durante la seconda guerra mondiale, Kolomyia è stato il sito del ghetto ebraico (circa 18.000). Nel 1943, circa 16.000 persone dal ghetto furono deportati a Belzhets campo di concentramento. La città fu liberata dall'Armata Rossa nel mese di marzo 1944. 

Dopo la guerra, inizio' il restauro della citta'......



Kolomyia e' un angolo particolare dell' Ucraina, che ha unito in sé lo sviluppo del carattere austro-ungarico e l'atmosfera di una città europea.

Kolomyia ha un’atmosfera unica con un caratteristico centro storico : Vidrodzhennya (Revival) ,il corso principale Chornovola (Vidrodzhennya Avenue.. E' l’angolo più accogliente della città: la gente volentieri piace camminare qui, ed è un paradiso per gli appassionati di acquisti, luogo ideale per un periodo di riposo.




Una delle attrazioni della citta' di Kolomyia e' il Museo Pysanka
Non si puo' visitare l'Ucraina e non portare come souvenir la nota Pysanka


In realtà l’uovo di Pasqua dipinto, non è solo un simbolo di una grande festa cristiana in Ucraina. Si tratta anche di una sorta di “marchio”, un argomento che in una sola volta vi ricorderà il vostro viaggio, perché e' un ricordo unico che viene prodotto solo qui, come cultura dell' arte ucraina.
Vengono utilizzate diverse tecniche di un dipinto sulla pysanka che portano in sé profondo simbolismo ancora dei tempi precristiani. Tutta la storia di questa antica arte ucraina viene visualizzato sotto forma di pysanka nel museo di Kolomyia.
E' un museo interamente dedicato all'antica tradizione ucraina delle uova pasquali dipinte a mano con disegni folcloristici tradizionali.




Alla sua fondazione, il 26 ottobre 1987 il museo venne allestito nella chiesa dell'Annunciazione a Kolomyja. Dal 23 settembre 2000 la sua sede è stata trasferita in un edificio di corso Cernovola nella stessa città: e sono stati gli artisti locali Vasyl Andrushko e Myroslav Yasinskyi che hanno dato vita al progetto, creandone una struttura architettonica, che misura 14 metri di altezza e 10 metri di diametro, e decorando le pareti esterne e interne della cupola come un pysanka.

Ci sono più di 10 mila pysanka da tutte le regioni del paese, in una mostra di un museo unico nel suo genere. Alcuni esemplari sono tenuti con vernici speciali.
Il Museo della Pysanka e' uno dei musei più interessanti di tutta l'Ucraina, esempio di un arte unica, da ogni regione dell'Ucraina e dall''estero. 

Il museo organizza anche mostre temporanee e fotografiche legate al pysanky, alle tradizioni pasquali e ai mestieri popolari. 
Il nostro percorso cuntinuera' ancora lungo la parte occidentale dell'Ucraina, raccontando ancora una delle bellissime zone dell' est Europa, forse ancor poco conosciute ma che vale la pena di presentarle e valorizzarle come risorsa interna del Paese dal punto di vista storico, culturale e turistico. 
Visitate l'Ucraina con serenita' d'animo : basta avere solo interesse !!

Se ti e' piaciuto questo mio racconto, lascia un tuo commento. 

La tua opinione e' molto gradita !
Залиште Ваш комментарій.



Grazie della tua cortese attenzione e......
Stay Tuned....appuntamento come sempre alla prossima !




Giuseppe Correra 
Chernivtsi (Ucraina)
Social Media Marketing / Marketing Turistico
Responsabile Marketing UA TIME

web site : 
E-mail : pinocorrera@gmail.com


**************************************************************
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ALLA NEWSLETTER
E' semplicissimo !!
A fianco in alto alla pagina inserisci il tuo nome, cognome e il tuo indirizzo e-mail. Nel messaggio da inviare specificare : “Newsletter”. Con la Newsletter scoprirai settimanalmente gli ultimi articoli di Turismo, Cultura, Social Web Marketing, Marketing Turistico e tante novita'  dall Ucraina : cultura, storia, turismo, ambiente.
Con l'iscrizione riceverai gratuitamente via e-mail un e-book da scaricare in formato PDF  "MARKETING ON-LINE E I SUOI STRUMENTI OPERATIVI" strategie e tecniche per l' e-business. Questo libro di Pietro Veragout, si rivolge agli imprenditori che hanno deciso di affrontare seriamente l’argomento Internet. In particolare è destinato a coloro che, dopo una fase iniziale di scetticismo e incertezza – giustificata soprattutto dalla rapidità con cui il fenomeno si è sviluppato e imposto – desiderano capire come la propria azienda possa sfruttare al meglio le potenzialità di questo mezzo. 
************************************************************************